A Treviso la mostra fino al 17 aprile 2017

Linea d’ombra, e personalmente Marco Goldin, insieme a una cordata di imprenditori veneti, si sono fatti carico dell’adeguamento funzionale di sei saloni all’interno dell’ex convento di Santa Caterina di Treviso, adibito a Museo Civico, che ospita importanti collezioni di archeologia e arte antica della città. Queste sale dell’antico convento medioevale non disponevano di un adeguato sistema di climatizzazione e di sicurezza, per potervi accogliere i capolavori di Monet, Gauguin, Van Gogh, Manet, Cézanne, Pissarro, Renoir e decine di altre celebri tele. Le opere esposte, quasi tutti dipinti, ma anche fotografie e incisioni a colori su legno, sono provenienti dai più noti musei e collezioni del mondo. Lo scopo della mostra è quello di mettere in luce il percorso dell’Impressionismo che si dipana sullo sfondo dell’Ottocento fino al primo Novecento, con i suoi temi e accostamenti culturali , come l’influsso dell’arte giapponese. L’esposizione, spiga un comunicato degli organizzatori è un percorso tra capolavori che hanno segnato una delle maggiori rivoluzioni nella storia dell’arte. La qualità dei prestiti ne fa un’occasione unica di approfondimento, poiché è una rassegna che coinvolge e ci riposta a quelle impressioni che gli artisti hanno colto dalla realtà, nel suo aspetto più dinamico e mutevole. Per questo prestigioso evento il Comune di Treviso, proprietario dell’edificio, non aveva l’adeguata disponibilità finanziaria. A farsi carico dell’intera somma di 640 mila euro è stata “Linea d’ombra”.

In mostra alla Rocca di Scandiano

Mostra-evento a Scandiano, accogliente centro in provincia di Reggio Emilia, famoso per essere stato la dimora del poeta Matteo Maria Boirado e città natale del biologo Lazzaro Spallanzani, fino al 28 aprile. Le sale al piano terra della sontuosa Rocca ospitano i dipinti recenti del maestro Paris Cutini. Un’esposizione sicuramente interessante per osservare gli sviluppi creativi di un autore che, grazie al suo innegabile talento maieutico e alla sua ispirazione, è riuscito a farsi apprezzare in parecchi anni di attività artistica. La sua naturale intraprendenza e voglia di conoscere lo hanno spinto, come artista e come uomo, a mettersi continuamente in gioco, a vedere nella quotidianità il fulcro essenziale della sua ricerca, dei suoi studi, del suo sentirsi profondamente attratto dai sommovimenti che animano l’esistenza, sondata con profondità ma senza mai cedere a facili soluzioni invasive.

Bel colpo per la città di Brescia! Arriva il Photo Festival. Il noto Caio Mario Garrubba, per l’occasione, ha prestato tutti i negativi del suo reportage in Cina al Direttore del Centro di Fotografia, Renato Corsini. Per quanti non lo conoscessero, Caio Mario Garruba è il fotografo che è riuscito a scattare una foto di Mao con una macchina nascosta nel taschino della giacca, le bici in piazza Tienanmen e gli uomini che, sulle panchine, fumano con il bocchino.

Al Museo internazionale della Croce Rossa, foto di Alessandra Cucchi e Martina Pasini

È stata aperta al Museo internazionale della Croce Rossa (Micr) di via Garibaldi a Castiglione la mostra “Aut-Aut - Scatti perturbanti di un’Europa che deporta”. L’esposizione delle fotografie di Alessandra Cucchi e Martina Pasini sarà aperta fino al 14 maggio e rappresenta la ouverture delle manifestazioni e dei progetti dei prossimi mesi del Micr. Il Museo, infatti, ha aderito al progetto ‘Cultura in digitale’, che coinvolge dieci istituti d’istruzione secondaria della provincia di Mantova. Per l’inaugurazione delle immagini che ritraggono “persone” nei campi profughi, in particolare della Grecia dopo che le due fotografe avevano ritratto i migranti nei Balcani in un precedente lavoro, sono giunti nella sede Micr di via Garibaldi il sindaco di Castiglione, Alessandro Novellini, la presidente del Comitato locale Cri, Maddalena Negri, con alcuni consiglieri e lo staff del Museo stesso. Ricordiamo che Alessandra Cucchi e Martina Pasini sono studentesse del corso di Laurea magistrale in Giornalismo e Cultura editoriale all’Università di Parma, oltre che giornaliste free lance.

Se un vero artista è uno sperimentatore, allora Nicola Bertoglio è un vero artista. Le sue opere si possono ammirare a Cremona sino all’8 aprile presso “Casa di Stradivari”, dimora del sommo liutaio vissuto all’ombra del Torrazzo. Il titolo della mostra, “Capendo Adamo”, fa riferimento, come spiega lo stesso artista, a un progetto «iniziato nel 2013 ed attualmente ancora in corso. Si tratta di una ricerca di “comprensione” su cosa sia l’uomo sia come “forma” che come contenuto, anima, scomponendo e ricomponendo parti di corpi maschili. Ho iniziato fotografando amici e poi continuato con modelli non professionisti. In questa selezione si può riconoscere un percorso di “affinamento” verso un certo ideale di equilibrio e “perfezione” partendo da aggregazioni complesse e “deformi” verso altre più armoniche e semplificate. Le immagini, scattate con un iphone ed editate solo ed esclusivamente con Instagram, sono stampate su lastre di alluminio Chromaluxe e apposte in sospensione ad una base in legno mdf. L’opera a 9 immagini dal titolo “La S/Vestizione” fa invece parte di un progetto sul calcio, chiamato “Calciosacro” ed è stata realizzata con il contributo della squadra A.C. Olmese».

A Bologna la mostra fino al 19 marzo 2017

Presso Palazzo Pepoli di Bologna è stata allestita una mostra antologica dedicata al fumettista, scrittore, saggista e attore Hugo Pratt (1927-1995), definito il padre della letteratura disegnata le cui opere sono state tradotte e pubblicate in ogni parte del mondo. Per merito suo il mondo della cultura ufficiale ha cambiato il suo atteggiamento snobistico nei confronti del fumetto, poiché molti si sono resi conto che anche la “striscia” può essere considerata una forma d’arte. La mostra bolognese considera tutta la vasta attività artistica di Pratt, ma analizza in particolare il suo celebre personaggio Corto Maltese nato cinquant’anni fa nel 1967. E’ la prima vera novella grafica della storia.

Al Sociale ultima rappresentazione in agenda per mercoledì 15 marzo

Si concluderà mercoledì 15 marzo la stagione di prosa 2016/2017 del Teatro Sociale di Castiglione. Dove è atteso ‘Scusate se non siamo morti in mare’, di Emanuele Aldrovandi per la regia di Pablo Solari, con Luz Beatriz Lattanzi, Marcello Mocchi, Matthieu Pastore, Daniele Pitari. ‘Scusate se non siamo morti in mare” è quanto si legge su un cartello esposto da alcuni immigrati durante una manifestazione a Lampedusa. In un futuro non troppo lontano la crisi economica – che invece di finire si è aggravata – ha trasformato l’Europa in un continente di emigranti.

Finale domenica 12 marzo alle 17.00 al Teatro Bonoris di Montichiari

E’ ai nastri di partenza la terza edizione del Concorso Lirico internazionale “Bazzini” organizzato dall’Associazione Koart. Frutto di una sinergia tra diverse associazioni, vede le fasi eliminatorie svolgersi alla Sala Laffranchi di Carpenedolo, mentre la finale si terrà nel magnifico “Teatro Bonoris” di Montichiari alle 17.00 di domenica 12 marzo. Edizione davvero internazionale, visto che si sfideranno più di 70 concorrenti di 12 nazionalità diverse. La parte del leone la faranno gli orientali, con coreani e cinesi a guidare la pattuglia dei più presenti, anche davanti agli italiani, che sperano di ripercorrere le orme del coreano Sungjin Lee, vincitore dell’edizione 2016, nella foto premiato dal grande baritono Rolando Panerai.

Alle principali manifestazioni uno stand informativo

Fiere e cultura possono allearsi? Nella città capitale della Bassa bresciana la risposta è positiva. Lo afferma Basilio Rodella, Vicesindaco e Assessore alla Cultura, che ha deciso di dare un ulteriore slancio al rapporto tra il Centro Fiera e Montichiari Musei, due realtà sempre più attive sul territorio. Dalla recente edizione di "Golositalia & Aliment e attrezzature", manifestazione che ha richiamato oltre 75 mila visitatori, è prevista, infatti, una presenza "fissa" di uno stand di Montichiari Musei al Centro Fiera del Garda.

Anche per la stagione 2016/2017 prosegue il ciclo di incontri de "La stagione Impossibile", progetto triennale nato dalla sinergia tra il corso di laurea in Scienze e Tecnologie delle Arti e dello Spettacolo (STArS) dell'Università Cattolica di Brescia, in collaborazione con il CTB Centro Teatrale Bresciano.Il primo appuntamento si terrà domani, martedì 7 marzo 2017 alle ore 17.30 al Teatro Santa Chiara Mina Mezzadri,  dal  titolo Dall'aedo al cunto. Ne parlerà Dario Tomasello, professore di Letteratura italiana contemporanea e Discipline dello spettacolo dell'Università degli Studi di Messina; con lui Maria Pia Pattoni, autorevole studiosa del teatro greco tra drammaturgia e scena, che stimolerà, interrogherà e farà da tramite con il pubblico in sala.

“Le biblioteche di Carpenedolo, Borgosatollo, Desenzano del Garda e il teatro del Centro Lucia di Botticino diventano per una sera palcoscenico per il Festival Pianistico internazionale”. Quattro incontri sul tema “Beethoven e Napoleone. La musica, tra ideali e potere” che non si limitano a illustrare temi generali ma entrano nel dettaglio e invitano concretamente all’ascolto dei concerti diventando una proposta particolarmente appetibile. L’iniziativa fa parte di un accordo tra il festival e il Sistema bibliotecario Brescia Est con l’obiettivo dichiarato di promuovere l’ascolto della musica. Mercoledì 15 febbraio a Palazzo Laffranchi di Carpenedolo si è tenuta la prima di queste conferenze.

“Donne donne eterni dei”. È questo l’accattivante titolo, tratto dalla “Vedova allegra”, la celebre operetta in tre parti di Franz Lehár ideata sul libretto di Victor Léon e Leo Stein, dalla commedia “L’Attaché d’ambassade” del francese Henri Meilhac scritta nel 1861, allestita sino a fine marzo all’Ex Chiesa delle Dimesse di Quinzano d’Oglio. Durante il saluto introduttivo, l’Assessore alla Cultura, Giuseppe Spalenza, ha sottolineato come questa iniziativa rientra in un più ampio programma di eventi che intendono proporre una riflessione sulla condizione femminile. A seguire lo studioso d’arte Simone Fappanni, che ha ripubblicato in questi giorni un volume sull’argomento della conferenza dal titolo “Dipingere la femminilità”.

A Milano la mostra aperta fino al 5 marzo 2017

La Galleria Italia, sede mussale di Intesa Sanpaolo in piazza della Scala di Milano ha allestito una sontuosa mostra: un primo progetto espositivo, che il capoluogo lombardo dedica al genio pittorico di Cataletto (1697-1768) e il nipote Bernardo Bellotto (1722-1780), due artisti di spicco del Settecento europeo. Si tratta di un progetto ambizioso che ha  messo insieme un centinaio di opere tra cui dipinti, disegni e incisioni, un terzo dei quali mai esposto in Italia, provenienti da importanti istituzioni museali italiane e da vari collezionisti e musei di tutto il mondo.   Il percorso espositivo della rassegna illustrerà uno dei più affascinanti episodi della pittura europea: il vedutismo veneziano.

Lo aveva promesso qualche tempo fa Basilio Rodella, Vicesindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Montichiari: “Il 2017 sarà un anno di grandi mostre” e la promessa, sinora, è stata mantenuta. È il Museo Lechi, in particolare, il “contenitore” di prestigiose esposizioni a ripetizione una delle quali, quella dedicata ai disegni e alle stampe del Tiepolo e di altri autori tra Cinquecento e Settecento, è stata prorogata al 12 marzo, visto il successo riscosso.

A Fontanellato (Parma) fino al 5 marzo

Franco Maria Ricci con gli eredi del pittore ha allestito nel suo centro espositivo il “Labirinto della Masone” a Fontanellato di Parma una interessante mostra sul pittore Gino Covili (1918-2005) uno dei più significativi artisti della pittura padana del Novecento. Nato e vissuto nel cuore delle colline modenesi Covili è un sincero testimone delle sensazioni più profonde covate in un tessuto sociale contadino al quale si sente fortemente legato. Le sue tele, spesso di grandi dimensioni, esprimono, l’energia e la dignità del lavoro di una società dai valori semplici e concreti, attraverso un colorito toccante e uno sguardo poetico dal sapore “felliniano” per il suo oscillare tra ricordo che si fa nostalgia, sogno che sfocia nella favola e il dolore che si fa vita.

Biblioteca Palazzo Pastore: quattro incontri dal 27 febbraio al 27 marzo

La Biblioteca Palazzo Pastore di Castiglione ha un particolare e unico gruppo di lettura: è #Leggereoltre, un grandangolo sulla realtà, per capire e interpretare, non solo attraverso i libri e la lettura, la complessità della vita. Le rassegne promosse dal gruppo, in stretta collaborazione con la Biblioteca, hanno sempre un tema centrale declinato in diversi ambiti disciplinari: letterario, filosofico, medico… La prima rassegna a cura di #Leggereoltre e dal titolo ‘Le suole di vento: la filosofia del camminare’, ha analizzato il camminare dal punto di vista sociologico, letterario, filosofico e sportivo.

Fino al 27 Febbraio

Spazio all’astrazione e all’informale presso il Municipio di Stagno Lombardo. L’attivissimo centro alle porte di Cremona ospita infatti la mostra personale del lodigiano Ermanno Peviani, artista che in tanti anni di dedizione alla pittura ha maturato uno stile personalissimo, immediatamente identificabile. In questa occasione vengono presentate le ultime opere connotate da un vibrante studio materico e d’atmosfera. Siamo di fronte ad un artista eclettico, singolare, capace di lambire atmosfere informali sottilissime e accattivanti.

L’inaugurazione domenica 26 febbraio alle ore 17

Un’altra rassegna di indubbia levatura si apre alla Bam di via Benaco a Bedizzole. Il salone dedicato alle arti e agli incontri culturali, propone questa volta una mostra pittorica di Anna-Riikka Emilia Leppälä. L’artista, nata a Savonlinna in Finlandia ha frequentato il liceo artistico e dopo si era iscritta al corso di pittura dell’Università popolare delle belle arti, da dove, successivamente era passata all’Istituto superiore professionale delle belle arti. Nel 2004 ha trascorso un periodo di studio in Spagna, alla “Facultad de bellasartes de Sant Cares dell’Universida politècnica de Valencia”.

In occasione del 1° maggio, aperte le iscrizioni ad artisti

Per valorizzare la Festa del Lavoro ricorrente il 1° maggio, viene riproposta  quest’anno una Mostra Artistica con espressioni Pittoriche – Materiche – Scultura – Disegno - Grafica e Fotografia, dal titolo “Il Mondo del Lavoro e dei Lavori”, con un impegnativo sottotitolo: “Guardare al passato con gratitudine, vivere il presente con passione, abbracciare il futuro con la speranza”. Gli artisti e gruppi interessati possono partecipare con un’opera richiamante il tema. E’ organizzata dalla Pro Loco di Carpenedolo unitamente ai Sindacati dei Pensionati Spi-Cgil – Fnp-Cisl – Uilp-Uil della Zona.

Coinvolti i paesi della provincia bresciana

Si ripete da vari anni organizzato dalle donne del Sindacato Fnp-Cisl, Spi-Cgil, Uilp-Uil l’8 marzo come “Giornata Internazionale della Donna”, per renderci  tutti consapevoli della necessità di un patto fra donne e uomini per lo sviluppo del paese. La crisi purtroppo non è ancora superata e a farne le spese per prime sono le donne, così come i giovani. Anche quest’anno per lunedì 7 marzo il Coordinamento bresciano delle Donne Pensionate darà l’occasione ad oltre 1.300 donne di città e provincia di poter assistere all’operetta musicale “Al Cavallino Bianco” nell’incantevole bellezza del Teatro Sociale a Brescia.

Pagina 1 di 162

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto