EGITTO. LA STRAORDINARIA SCOPERTA DELLA TOMBA FARAONICA DI AMENOFI II

25 Settembre 2017
K2_ITEM_AUTHOR 

A Milano fino al 7 gennaio 2018

A Milano presso il Museo delle Culture di via Tortona 56 è stata allestita una straordinaria mostra che s’incentra sulla figura del valoroso faraone Amenofi II, sovrano della XVIII dinastia egizia. Dai suoi profili biografici disponibili si sa che fu un grande costruttore e un abile guerriero di corporatura robusta che si esibiva in attività sportive come il tiro con l’arco, ottenendo anche eccellenti prestazioni come corridore e vogatore. Generoso in battaglia, crudele e combattivo si costruì negli anni l’immagine del sovrano invincibile energico e possente.

Detto: “Il toro possente dal grande valore”, intimidiva solo con lo sguardo gli avversari che in lui riconoscevano la potenza distruttrice del dio Seth. Sotto il suo regno si diffuse in Egitto il culto di Astarte, dea fenicia guerriera e vendicatrice. La mostra, nel suo insieme, ha lo scopo di presentare gli aspetti principali della civiltà dell’antico Egitto. La vita di Amenofi II è narrata attraverso una sorprendente esposizione di statue, armi, oggetti, documentazione su preziosi papiri, arredi, stele commemorative ed evocazioni dell’Egitto di cui egli fu un eroico protagonista. La sua instancabile attività militare, le sue maestose imprese edilizie e i suggestivi paesaggi egiziani vengono evocati virtualmente con esperienze emersime nelle atmosfere nilotiche. Spettacolari immagini, folclore e musiche immergono il visitatore nella variegata e pulsante creatività dell’antica “Valle dei Re”. La vita quotidiana delle classi sociali più vicine alla corte è illustrata, tra l’altro, con oggetti legati alla moda e alla cura del corpo, che mostrano l’elevato livello tecnologico e sociale raggiunto dalla storia egizia. Segue una sezione che attraverso il complicato tema delle concezioni funerarie, apre uno squarcio sulla religiosità egiziana e dei numerosi dei che traghettano lo spirito sul tribolato e tortuoso sentiero dell’immortalità. Sotto questo aspetto la mostra offre preziosi spunti di riflessione sulla millenaria durata e complessità della civiltà egizia. Infine si raggiunge il cuore dell’esposizione: un’esperienza unica permette di entrare nella sala a pilastri della tomba di Amenofi II. Si vive così la sensazionale scoperta archeologica di questa sepoltura nella “Valle dei Re”. Sono disponibili tutti i documenti originali di Victor Loret, l’archeologo che nel marzo del 1898 la scoprì, ed oggi fa parte tra le proprietà dell’Università degli Studi di Milano. Tra i tesori conservati nella tomba, ritenuta luogo sicuro, vi erano collocate le mummie di molti faraoni qui nascoste per sottrarle ai predatori di tombe, che spesso si verificava nel susseguirsi delle varie dinastie.

Lascia il tuo commento


logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto