Visualizza articoli per tag: cronaca

I Carabinieri della locale stazione si stanno occupando delle indagini su un furto messo a segno, ai danni di un magazzino di un'azienda di Gonzaga. I ladri sono entrati nello stabile e hanno rubato elettrodi e distanziali in rame e attrezzatura varia. Il danno è in fase di quantificazione.

Si trovava su un convoglio proveniente da Cremona, quando il capotreno ha scoperto che stava viaggiando senza biglietto. Quando il dipendente delle ferrovie ha chiesto di pagare quanto dovuto, lo ha insultato, spintonato, picchiato, per poi scappare giù dal treno, che nel frattempo era arrivato in stazione.

E' stata elitrasportata all'ospedale Civile di Brescia, la donna di trentadue anni, investita assieme al figlio, che si trovava sul passeggino, mentre attraversava la strada, in compagnia di un'amica, in territorio di Barghe. Il conducente della vettura che le ha investite, non le ha viste perchè distratto da qualcosa.

La vittima era un farmacista di Breno, che stava scendendo verso Brescia con la sua auto. Ancora non si sa bene cosa sia accaduto, le cause e la dinamica del sinistro sono ancora al vaglio degli uomini delle forze dell'ordine. Pare però che la vettura del professionista camuno,

Al termine di una delicata operazione investigativa, i Carabinieri di Suzzara hanno dato esecuzione ad un ordine di arresto, emesso dal Tribunale di Mantova, nei confronti di un uomo di quarantotto anni, della zona, che si è più volte reso responsabile di atti persecutori nei confronti di una donna e violazione del suo domicilio.

I Carabinieri hanno portato a termine l'ennesima operazione di prevenzione dello spaccio e consumo di stupefacenti, presso l'oratorio di San Filastro ad Acquanegra sul Chiese. Proprio in quella zona infatti, negli ultimi tempi era stata notata la presenza assidua di consumatori di droga e di spacciatori.

Capi di vestiario, denaro contante, un computer portatile. Questo è quanto hanno portato via, i ladri che hanno derubato un esercizio commerciale, gestito da cinesi, ad Asola. I malviventi sono entrati dopo aver forzato una porta sul retro. I Carabinieri della locale stazione si stanno occupando delle indagini. I danno, in fase di quantificazione, è coperto da polizza.

I Carabinieri lo tenevano d'occhio da tempo, in maniera discreta. Quando hanno deciso di fermarlo, si trovava a bordo della sua auto. Durante la perquisizione personale e del mezzo del professore di una scuola superiore di Bresia, quarantadue anni, di Manerbio, hanno trovato, in un pacchetto di sigarette, un modesto quantitativo di marijuana.

Le indagini su quanto accaduto sono affidare agli agenti della Polizia Locale. C'erano numerose persone, all'interno della biblioteca di via Casazza, a Brescia, quando improvvisamente si è sentito un boato, come se qualcuno avesse sparato. I presenti sono subito fuggiti.

Hanno rubato un computer portatile, i ladri che hanno preso di mira un'abitazione privata a Ponti sul Mincio. Per entrare hanno forzato una finestra e una volta all'interno hanno frugato alla ricerca di qualcosa di prezioso. Il danno non è coperto da polizza.

Quando i Carabinieri di una pattuglia della locale stazione lo hanno fermato per un normale controllo stradale, in territorio di Suzzara, l'uomo di sessant'anni, di origine nordafricana, ha mostrato loro una patente. I militari si sono accorti subito però che il documento era falso.

Sono stati gli agenti di Polizia ad arrestare otto persone, su ordine della Procura di Brescia, ritenute responsabili di un importante traffico di hashish. Lo stupefacente era acquistato in Spagna e portato a Brescia. Durante l'operazione sono stati sequestrati oltre quaranta chili di droga.

I Carabinieri di Castel Goffredo hanno denunciato per ''simulazione di reato'' una giovane donna di venticinque anni, originaria dell'Europa orientale. Per ottenere il duplicato dei propri documenti, la ragazza ha detto di essere stata scippata della borsetta, denunciando l'episodio ai militari.

''Resistenza a Pubblico Ufficiale'' è l'accusa con la quale i Carabinieri di una pattuglia di Asola, hanno denunciato un cinquantenne nordafricano. Quando ha visto i militari, ha infatti tentato di scappare, in sella alla bicicletta. Quando è stato però raggunto e fermato, non ha esitato a colpire i Carabinieri, con l'intento di fuggire nuovamente.

Il titolare cinese del laboratorio tessile ispezionato dai Carabinieri a San Giovanni del Dosso, ha evitato di essere arrestato, semplicemente perchè irreperibile al momento dell'operazione. I militari della Compagnia di Gonzaga, supportati dai colleghi delle stazioni locali, hanno ispezionato un laboratorio tessile gestito da cinesi, scoprendo al suo interno che i lavoratori si trovavano ad operare in condizioni igieniche improponibili.

Trenta uomini sono stai impegnati nell'operazione. Per compierla hanno usato venti auto e hanno identificato ottantadue persone e ispezionato cinquantaquattro veicoli. Questi numeri, riassumono un maxi controllo effettuato dai militari in Val Trompia, con lo scopo principale di contrastare lo spaccio di stupefacenti.

I Carabinieri della locale stazione, stanno occupandosi delle indagini su un furto commesso presso un'officina meccanica di Mantova. I ladri hanno forzato il portone e una volta dentro, si sono impossessati di vario materiale ed attrezzatura elettronica, da lavoro. Il danno è coperto da polizza.

Ha forzato il cofano di un'auto in sosta e una volta aperto, ha rubato alcuni pezzi del motore. Teatro della vicenda, una via di San Giorgio di Mantova, dove i Carabineri della stazione di Bigarello, hanno denunciato l'autore del furto. Si tratta di un cittadino nordafricano di cinquant'anni.

I Carabinieri delle stazioni di Gazoldo e di Piubega, assieme ai colleghi dell'Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale dell'Inps e dell'Inail, hanno ispezionato un laboratorio tessile di Rodigo, arrivando ad arrestarne il titolare, cinquantaquattro anni, cinese.

I giudici del Tribunale di Brescia hanno pronunciato le sentenze nei confronti degli imputati, accusati di appartenere alla cosca della 'ndrangheta, Nicolino Grande Aracri. Le persone processate, sono accusate di vari reati, come estorsione, minacce, detenzione di armi, associazione per delinquere. Il tribunale ha emesso condanne per complessivi centoventi anni.

Pagina 1 di 469

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto