Visualizza articoli per tag: cronaca

La vicenda sarebbe maturata a causa della differente fede calcistica di un dipendente del Comune di Mantova e di un ristoratore. La storia, pur avendo origini banali, sarebbe degenerata in un vero e proprio caso di stalking che vede come vittime l'esercente e i suoi familiari. Il dipendente pubblico, avrebbe più volte frequentato il locale, in occasione delle partite del Milan, del quale il proprietario è tifoso, lasciandosi andare a commenti volgari e ricchi di disprezzo. Il ristoratore, in seguito ad alcuni episodi, si rovolge al Comune, dove una dirigente cerca di organizzare un incontro per dare occasione al dipendente di scusarsi.

Sono entrati in azione in tre, prendendo di mira una filiale della Banca Popolare di Vicenza di via Malta a Brescia. Gli agenti di Polizia però, sono intervenuti subito e sono riusciti ad arrestare due rapinatori. Ora gli investigatori sono sulle tracce del terzo complice. Proseguono nel frattempo le indagini sulla rapina messa a segno ieri ai danni della filiale della Bcc di Padenghe.

Voleva il numero di cellulare o almeno l'indirizzo Facebook. Quando la ragazza ha rifiutato, i suoi approcci si sono fatti via via più insistenti, fino ad abbracciarla e baciarla, mentre lei cercava di divincolarsi. Tutto questo è accaduto in un parco a Sirmione, dove una ragazza è stata avvicinata da un trentottenne di origine egiziana. Lei si trovava seduta su una panchina, in attesa della madre che era a fare una commissione. La giovane è riuscita ad allontanarsi e raggiunta la madre, ha chiamato le forze dell'ordine.

L'operazione condotta dalla Polizia Locale di Asola, è scattata in seguito a numerose segnalazioni, giunte dai cittadini. Gli agenti hanno colto in flagranza, all'interno del cortile di una palazzina di viale Belfiore, alcuni rumeni, intenti a pesare e caricare su un furgone frigorifero, grandi quantitativi di enormi pesci, pescati nel Po. Chiesto l'intervento di supporto delle Autorità Sanitarie, i poliziotti hanno sequestrato la merce, che sarebbe stata portata in Romania per essere poi venduta nei mercati e controllato gli uomini che erano al lavoro.

L'ex dipendente delle Poste di Ospitaletto di Marcaria, cinquantotto anni, del paese, ha patteggiato una pena di due anni e due mesi per il reato di peculato. All'uomo viene imputato il fatto di avere fatto sparire dalle casse dell'agenzia dove lavorava, la somma di quindicimila euro. La difesa ha sostenuto la tesi che fosse stato in qualche modo ipnotizzato da una persona. Tutto accade due anni fa, quando l'ex impiegato, riceve un signore, che descrive come distinto e dai modi gentili.

Alcuni sono italiani, altri brasiliani, altri tunisini. In tutto sono otto giovani che insieme avevano costituito una banda, arrestata dalla Squadra Mobile di Mantova, due anni fa. A loro sono attribuite rapine, tentate rapine ed estorsioni ai danni di alcuni esercenti di Lunetta. Ieri mattina si è tenuta la prima udienza del processo a loro carico. Per due componenti della banda, italiani il giudice ha accolto la richiesta di rito abbreviato. Gli altri saranno rinviati a giudizio.

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto