BEDIZZOLE: LA PREFETTURA POTREBBE INVIARE NUOVI PROFUGHI, LA GIUNTA DICE “NO”

10 Luglio 2017
K2_ITEM_AUTHOR 

Il sindaco Cottini: “Il paese ha già problemi pesanti da risolvere”

Un imprenditore sarebbe pronto ad accoglierli. E la prefettura a inviarli. Ma il Comune ha detto no. A Bedizzole succede questo fatto, che riguarda i profughi, 23 per la precisione.  L’amministrazione ha specificato che i profughi in paese ci sono già e altri non sarebbero “sopportabili”. Così per adesso la faccenda è in fase di stallo, ma tale non resterà in eterno.

Di certo c’è che i vertici dell’ente locale hanno scritto al prefetto affermando che la struttura destinata all’ospitalità non avrebbe le agibilità necessarie per accogliere persone in quanto sprovvista di elementi basilari come ad esempio il sistema fognario. L’abitazione è situata in via De Gasperi, a Sedesina, è una casa vuota da anni e messa in vendita. Il vicesindaco Piardi ha sottolineato che il Comune a riguardo dell’accoglienza sta già facendo la sua parte avendo dato ospitalità a una decina di richiedenti asilo a Monteroseo dove gestisce la cooperativa Puerto Escondido. I profughi si sono inseriti benissimo nel contesto urbano per ciò che potevano e infatti lavorano a fianco degli addetti comunali alla pulizia delle strade e per altri servizi pubblici svolti sul territorio, prima scoperti per mancanza di personale. Un conto però è ospitare 10 persone e un altro è dare accoglienza a 33. Per Bedizzole il passo sarebbe con ogni probabilità più lungo della gamba e quindi i vertici istituzionali del comune hanno deciso di reagire alla possibile decisione della prefettura. Infine, l’aspetto politico della vicenda, che comunque ha un peso in questa storia e che il sindaco ha testimoniato con le sue parole ricordando come quella di Bedizzole sia una amministrazione di centrosinistra e “quindi molto distante dalle prese di posizione ideologiche della Lega Nord”. “Il problema, ha spiegato Cottini, è che la gestione dei profughi viene scaricata sui sindaci senza capire che il territorio ha già problemi evidenti.” In paese c’è una lunga lista di persone per accedere agli appartamenti comunali. “Non possiamo accontentarli nonostante siano in attesa da anni, e non possiamo pensare di dare precedenze a chi viene da lontano”. Ma è la prefettura a decidere sui profughi. Bedizzole, ha fatto la sua parte e questa volta ha detto no. La querelle, però, non è finita qui.   

Lascia il tuo commento


logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto