Protagonista della vicenda, è un ragazzo bresciano di ventinove anni, ora in stato d'arresto. Tornato nella propria abitazione di Lograto, dove vive con la madre, dopo una serata passata in una sala bingo di Roncadelle, ha cominciato a dare in escandescenze, alterato da un litigio, pare avuto con un membro del personale del locale.

E' stato l'intuito degli agenti di una pattuglia delle Stradale di Chiari, a permettere di ritrovare una Fiat Punto, rubata a Mantova. I poliziotti, impegnati in un servizio di controllo dell'autostrada BreBeMi, notano la vettura, mentre viaggia tra i caselli di Roncadelle e Travagliato, provincia di Brescia.

Sei anni ed otto mesi di reclusione è la pena inflitta dal Tribunale di Brescia, ad un uomo di settantuno anni, di Roncadelle, paese dell'hinterland di Brescia. In base alle ricostruzioni ed alle accuse lanciate nei suoi confronti dalle cinque nipoti, si è scoperto che l'uomo approfittava di loro, all'interno della casa della convivente e le faceva oggetto di ricatto, perchè mantenessero il silenzio, finchè un giorno, hanno vinto la paura e hanno raccontato quanto avevano subito.

I Carabinieri hanno sorpreso un commerciante di Roncadelle che rubava corrente elettrica dalla rete comunale. Privato del regolare collegamento, a causa della morosità nel pagamento, l'uomo ha pensato bene di sopperire alla mancanza di energia, allacciandosi in maniera indebita, manomettendo il quadro elettrico comunale. I Carabinieri, dopo avere arrestato il commerciante di sessant'anni, stanno calcolando il valore dell'energia sottratta.

La lite scoppiò per un motivo assolutamente futile, precisamente l'aver richiesto una canzone all'artista che si esibiva al Copacabana di Roncadelle. Marius George Bonoru e Robert Emilian Bocanu, di origine rumena, cominciarono ad insultare la vittima, Roberto Ljatifi, di nazionalità italiana, con origini serbe, perchè pretendevano che la loro richiesta fosse esaudita per prima. Questa semplice cosa, avvenuta durante una serata del 2014, li spinse ad aggredirlo e a colpirlo con un coltello, fino ad ucciderlo.

Non è passata inosservata la manovra improvvisa effettuata dal conducente della vettura con targa provvisoria tedesca, quando ha visto la pattuglia della Guardia di Finanza. Impegnati in un servizio di prevenzione nei confronti del rischio terrorismo, i militari delle fiamme gialle, hanno immediatamente iniziato ad inseguire quell'auto che con una manovra improvvisa, aveva svoltato nella corsia d'emergenza della tangenziale sud, allo scopo di uscire. Fermato il veicolo in territorio di Roncadelle, i finanzieri hanno scoperto che alla guida c'era un cittadino albanese, che ha fornito risposte evasive e poco comprensibili alle loro domande.

Pagina 1 di 2

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto