Sotto un bel sole primaverile la comitiva di Carpenedolo si è inoltrata nel Parmense per una giornata interamente dedicata alla cultura:  storia, arte e natura. Un programma che il gruppo “Amici dei Viaggi” di Carpenedolo in forma privata porta avanti con successo incontrando il favore di molti aderenti con lo scopo di far conoscere sul piano culturale popolare le bellezze della nostra bella Italia e non solo. Quella di sabato 11 marzo è stata la prima uscita del 2017 in quanto poi dal 26 aprile al 2 maggio ci sarà il tour in Campania, in autunno l’uscita di due giorni sempre sul suolo italiano e in dicembre il ritrovo conviviale prima delle festività natalizie. Nel parmense la nutrita comitiva guidata dal Prof. Mimmo Forsetti, dalla Prof.ssa Paola Barona coadiuvati da altri amici ha fatto tappa a Soragna per ammirare la Rocca Meli Lupi. Un maniero medioevale, trasformato in elegante residenza nobiliare fra il XVI e il XIX secolo.

In collaborazione con il locale Istituto ‘Francesco Gonzaga’ dal 28 marzo

Dopo il grande successo dei corsi autunnali di lingue, la Biblioteca Palazzo Pastore in collaborazione con il locale Istituto ‘Francesco Gonzaga’ offre un’ulteriore occasione di formazione e approfondimento con diversi brevi corsi. Il progetto EducaMente, che ha come obiettivo la formazione continua degli adulti e ha visto coinvolti oltre 450 studenti durante i mesi invernali, intende ora offrire loro una nuova opportunità di formazione. È questa un’occasione aperta a tutti anche a chi non ha precedentemente frequentato i corsi ma ha già nozioni di base delle diverse lingue e intende approfondirle, ripassarle o desidera cimentarsi con la conversazione.

Un laboratorio di eventi previsto per tutto il mese di luglio

Una nuova realtà culturale è nata a Lonato del Garda. Si chiama “LonatoLab” ed è un laboratorio semi-permanente per la costruzione di una città più efficiente, bella e informata. “Nel dibattito attuale – dice una nota informativa -, le esperienze culturali che trovano nella città il loro luogo di manifestazione, non possono più essere riservate alla sfera creativa personale, ma devono nascere da un processo condiviso e partecipato. La complessità di ogni settore della produzione culturale, dove per Cultura si intende qualunque cosa prodotta dall'uomo, richiede oggi una nuova definizione del suo compiersi. Questa complessità trova declinazione nelle categorie progettuali e produttive di cui si sente parlare e che spesso si contaminano tra loro: multidisciplinarietà, smart city, progettazione partecipata, sinergie, sono frutto, nei vari settori di competenza, della necessità di condividere il più possibile il loro farsi oggetto concreto così da massimizzare la conoscenza della complessità, minimizzare gli effetti nocivi e giungere a progetti ed oggetti efficaci.”

A Treviso la mostra fino al 17 aprile 2017

Linea d’ombra, e personalmente Marco Goldin, insieme a una cordata di imprenditori veneti, si sono fatti carico dell’adeguamento funzionale di sei saloni all’interno dell’ex convento di Santa Caterina di Treviso, adibito a Museo Civico, che ospita importanti collezioni di archeologia e arte antica della città. Queste sale dell’antico convento medioevale non disponevano di un adeguato sistema di climatizzazione e di sicurezza, per potervi accogliere i capolavori di Monet, Gauguin, Van Gogh, Manet, Cézanne, Pissarro, Renoir e decine di altre celebri tele. Le opere esposte, quasi tutti dipinti, ma anche fotografie e incisioni a colori su legno, sono provenienti dai più noti musei e collezioni del mondo. Lo scopo della mostra è quello di mettere in luce il percorso dell’Impressionismo che si dipana sullo sfondo dell’Ottocento fino al primo Novecento, con i suoi temi e accostamenti culturali , come l’influsso dell’arte giapponese. L’esposizione, spiga un comunicato degli organizzatori è un percorso tra capolavori che hanno segnato una delle maggiori rivoluzioni nella storia dell’arte. La qualità dei prestiti ne fa un’occasione unica di approfondimento, poiché è una rassegna che coinvolge e ci riposta a quelle impressioni che gli artisti hanno colto dalla realtà, nel suo aspetto più dinamico e mutevole. Per questo prestigioso evento il Comune di Treviso, proprietario dell’edificio, non aveva l’adeguata disponibilità finanziaria. A farsi carico dell’intera somma di 640 mila euro è stata “Linea d’ombra”.

In mostra alla Rocca di Scandiano

Mostra-evento a Scandiano, accogliente centro in provincia di Reggio Emilia, famoso per essere stato la dimora del poeta Matteo Maria Boirado e città natale del biologo Lazzaro Spallanzani, fino al 28 aprile. Le sale al piano terra della sontuosa Rocca ospitano i dipinti recenti del maestro Paris Cutini. Un’esposizione sicuramente interessante per osservare gli sviluppi creativi di un autore che, grazie al suo innegabile talento maieutico e alla sua ispirazione, è riuscito a farsi apprezzare in parecchi anni di attività artistica. La sua naturale intraprendenza e voglia di conoscere lo hanno spinto, come artista e come uomo, a mettersi continuamente in gioco, a vedere nella quotidianità il fulcro essenziale della sua ricerca, dei suoi studi, del suo sentirsi profondamente attratto dai sommovimenti che animano l’esistenza, sondata con profondità ma senza mai cedere a facili soluzioni invasive.

Sabato 25 marzo con il violinista Paolo Ghidoni e il pianista Marco Tezza

Prosegue la stagione musicale organizzata dalla Fondazione Bondoni Pastorio di Castiglione e dall’Associazione Orchestra da Camera di Mantova (OCM), con il sostegno di Comune, Fondazione Comunità Mantovana, Terre Alto Mantovano e Fondazione Cariplo. Prossimo appuntamento sabato 25 marzo alle ore 20, con il violinista Paolo Ghidoni e il pianista Marco Tezza che interpreteranno la Sonata n. 1 in sol maggiore op. 78, la Sonata n. 2 in la maggiore op. 100 e la Sonata n. 3 in re minore op. 108 di Johannes Brahms (1833-1897). Paolo Ghidoni, nato a Mantova nel 1964, si diploma a 17 anni con il massimo dei voti presso il Conservatorio della sua città sotto la guida del M° Ferruccio Sangiorgi. Dopo corsi di perfezionamento in prestigiose sedi e con grandi maestri, fra tutti Salvatore Accardo, vince numerosi premi.

Pagina 6 di 330

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto