Signor Direttore,

Oogni giorno che passa i nostri parlamentari, attraverso la televisione e la stampa fanno grande uso del termine “populismo”. Termine usato da tutti i partiti dalla estrema destra fino alla sinistra più radicale. Eravamo convinti che il termine populista significasse ispirazione popolare e umanitaria. Facesse riferimento ai popoli che lottano per liberarsi dagli squilibri sociali. Cioè dalla miseria e dalla soggezione dei più potenti.  Ora invece i politici usano questo aggettivo per interessi di bandiera, senza tener conto della sua applicazione messa in atto nel dopo guerra e che sotto intendiamo dimostrare. Dopo aver concordato e approvato la Carta Costituzionale, alle elezioni politiche del 1948 parteciparono sette partiti. Nonostante lo scontro politico si trovarono d’accordo per ricostruire l’Italia. Si accordarono sull’orario di lavoro; sui salari; sull’assistenza e assicurazione del personale; sulle ferie; sul “lodo De Gaspari”; sulla terra a chi la lavora e tante altre iniziative. Il parlamento era rappresentato da 73 contadini ancora coi calli nelle mani. Altri 158 erano i prestatori d’opera, sempre lavoratori del braccio.

Egr. Direttore

ho letto con curiosità l'intervento sul suo settimanale del segretario dei Socialisti Ambientalisti Castiglionesi Aldo Morandi. Anzitutto dubito fortemente che la maggioranza dei votanti (non degli iscritti) concordi con questa scelta di appoggiare la lista Insieme per Castiglione, certamente di destra ed alleata con tutta la destra, da Fratelli d'Italia a Lega Nord. Mi da conforto che persone stimate abbiano fatto una scelta diversa. Faccio rilevare che quando a suo tempo il Psi candidò a sindaco Innocente Sereni l'attuale Pd lo appoggiò incondizionatamente con la candidatura Novellini è avvenuto e avviene l'esatto contrario.

BATTAGLIA ELETTORALE

Sig. Direttore

lla battaglia elettorale, quella vera, che, di solito, entra nel vivo negli ultimi trenta giorni prima del voto, non é ancora cominciata che già sui tabelloni commerciali fanno capolino i volti dei candidati alla carica di sindaco. Sono i primi tentativi per catturare la simpatia, e, possibilmente, l'11 giugno il voto degli elettori. Quello, però, che, forse, tutti non sanno è che sin dai primi messaggi dietro ad ogni candidato lavorano uomini di marketing esperti nel catturare il consenso. Ecco che, allora, tutto si gioca su un atteggiamento, su un sorriso e su un abbigliamento sui quali si punta per garantire una maggiore credibilità. Un grande spazio viene affidato anche ai nuovi mezzi di comunicazione, che, attraverso i telefonini, raggiungono migliaia di elettori sempre più avvezzi ad usare smartphone e tablet. Si può star certi che nei prossimi giorni anche le cassette delle lettere saranno riempite di pieghevoli con programmi e sollecitazioni al voto. Personalmente ritengo che sarebbe preferibile presenziare ai confronti fra i candidati, che certamente non mancheranno, così da rendersi conto de visu della qualità della proposta dei singoli concorrenti.

Luigi Cavalieri
Desenzano del Garda

BATTAGLIA ELETTORALE

Sig. Direttore

lla battaglia elettorale, quella vera, che, di solito, entra nel vivo negli ultimi trenta giorni prima del voto, non é ancora cominciata che già sui tabelloni commerciali fanno capolino i volti dei candidati alla carica di sindaco. Sono i primi tentativi per catturare la simpatia, e, possibilmente, l'11 giugno il voto degli elettori. Quello, però, che, forse, tutti non sanno è che sin dai primi messaggi dietro ad ogni candidato lavorano uomini di marketing esperti nel catturare il consenso. Ecco che, allora, tutto si gioca su un atteggiamento, su un sorriso e su un abbigliamento sui quali si punta per garantire una maggiore credibilità.

In riferimento all'articolo apparso sul numero del Gazzettino del 30 marzo scorso e relativo alle dichiarazioni del Sindaco di Pozzolengo Paolo Bellini nel quale lo stesso citava “500-600 migranti già ospitati a Montichiari” mi corre l'obbligo di chiarire che attualmente sul territorio del Comune da me guidato sono presenti 124 migranti ospitati da quattro strutture (tre realtà private ed una cooperativa) che nulla hanno a che vedere con il Comune il quale è stato scavalcato sulla questione a seguito di disposizioni del Ministero dell'Interno che, tramite la Prefettura, ha emanato bandi per il collocamento dei migranti a cui partecipanto soprattutto operatori privati. I migranti collocati sono gestiti dalle stesse realtà che li ospitano le quali si fanno carico anche di tutti gli oneri conseguenti.

Sig. Direttore,

non capita spesso l'occasione, di gustare un buon caffè all'ombra di una maestosa quercia, destinata a raggiungere facilmente, il traguardo dei quattrocento anni .Una rarità, in ottima compagnia, con ippocastani, tigli, frassini, sambuchi, cipressi e bagolari che fan parte dello storico parco, tutelato, con la consueta passione e competenza, dalla Società Solferino - S.Martino. Piante,  meno vetuste, ma sempre importanti, che possiamo ammirare tranquillamente dai tavolini del chiosco,situato nell'immediata vicinanza di Piazza Castello. Luogo ideale per gustosi spuntini, incontri sentimentali, conversazioni pacate ed anche per partite al Burraco.

Pagina 3 di 32

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto