LONATO: LA CASA CUSTODE CIMITERO ALL'ASTA

03 Luglio 2017
K2_ITEM_AUTHOR 

Signor Direttore,
ancora una volta leggiamo sui giornali locali che a Lonato d/G “La casa del custode del cimitero torna in vendita all’asta”.  Gli articoli apparsi sulla stampa hanno creato e creano rimostranze fra  la  pubblica opinione.   Il manufatto si trova in fregio al mesto luogo ed ha sempre contribuito alle esigenze dei visitatori, così come fu deciso negli anni sessanta con la sua costruzione.  L’operaio “tutto fare”, ha sempre abitato nella villetta in merito ed   eseguito l’impegno assunto.  Lonato nonostante i 17.000 abitanti, non ha all’entrata del camposanto personale al quale chiedere informazioni.  Inoltre l’amministrazione comunale ha deciso di chiudere al pubblico gli uffici comunali al mattino dello stesso giorno di mercato settimanale, quindi l’operaio informatore si rende maggiormente necessario.  Pare che l’operazione vendita della casa in oggetto sia dovuta alle scarse finanze comunali.  La ciliegina viene raccolta mentre l’attuale addetto al luogo dei morti va in pensione.  Il lettore potrebbe immaginare che la casetta sia l’unico bene disponibile per far quattrini.   Fino agli anni sessanta il comune possedeva dieci scuole nelle frazioni lonatesi.  Tuttora solo due plessi sono efficienti. Tre sono stati venduti, mentre nei rimanenti cinque ballano i topi.  A questi fabbricati vanno aggiunti l’ex campo di calcio abbandonato per  normerelative alla superficie. Un’aria sita in fregio a viale Roma, sulla destra della via alberata per chi proviene da Brescia, quindi molto appetita.  Il bottino verrebbe arricchito da palazzo Carpaneda. E’ l’abitazione più vasta di Lonato, ubicata nel centro storico e attaccata al Duomo. Tutti beni abbandonati e disponibili.   Per pubblica amministrazione intendiamo anche le minoranze (divise in sette liste), le quali  hanno perso il comune col 58,15%  dei consensi.  Purtroppo populismo e apparizione a Lonato sono scaduti con le elezioni comunali del 2015.  Ma l’osservanza per il Regno dei morti non dovrebbe scadere mai, ammesso che nei delegati alle decisioni, prevalga il buon senso e l’uso della ragione.  
Claudio  Zanelli

Lascia il tuo commento


logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto