CASTIGLIONE: ELEZIONI AMMINISTRATIVE DELLA CITTA' DI SAN LUIGI

13 Marzo 2017
K2_ITEM_AUTHOR 

Sig. Direttore,

nel  1995 la legge elettorale cambiò radicalmente: il sindaco per la prima volta venne scelto dagli elettori e non più dai consiglieri comunali. Da allora l’unica donna candidatasi fu Maria Grazia Margonari, una meteora, che alle elezioni del 1998 non raggiunse il ballottaggio. Per le prossime elezioni di giugno i due gruppi più importanti, il centro sinistra ed il centro destra hanno già designato i loro candidati (Novellini e Volpi). Salvo sorprese dell’ultima ora i gruppi che non si sono ancora espressi sembrano intenzionati ad orientarsi sul gentil sesso. E si che a Castiglione i personaggi in gonnella – pardon sarebbe più moderno dire in leggings (ormai è questo l’indumento imperante) – non mancano.  Donne, titolari o dirigenti di aziende, startupper o presidenti di rotary che hanno dimostrato di saper fare non mancano; portate del resto alla ribalta della cronaca  grazie anche al Gazzettino. Oggi a poco più di due mesi dalle elezioni il gruppo di centro sinistra – è la sorte di quelli in scadenza – è quello messo male perché sottopone all’esame  degli elettori  quanto fatto o non fatto nei cinque anni del suo mandato. Gli altri a differenza possono improntare i loro programmi di tante cose anche talvolta irrealizzabili.

Gli ultimi cinque anni anni infatti non sono stati molto brillanti: un esempio per tutti le strade ed i marciapiedi sono lì che parlano anche se di sicuro entro giugno qualche cosa verrà fatto e risistemato. Ma anche Biogas, PGT, Aqa non tutti li hanno digeriti; ma è sopratutto la socializzazione che è scomparsa  lasciando il passo a kebab  e Mac Donalds in periferia, desertificando il centro storico. E’ mancata purtroppo una politica incentivante il recupero degli edifici e mai trovata una soluzione per l’area ex ospedale psichiatrico. E si che le associazioni culturali, sportive e religiose non mancano (a quando un inventario ?) solamente sono male coordinate. Ci troviamo circondati da paesi (Montichiari, Lonato, Desenzano, Carpenedolo) che hanno saputo fare e stanno facendo meglio di noi.
In campo religioso pur avendo un santo a disposizione, inserito tra i primi dieci della chiesa, nell’anniversario della sua nascita, il vescovo viene portato in duomo a recitare la messa commemorativa lasciando il santuario al suo destino. Ma che significato ha dire “il 9 marzo è della parrocchia ed il 21 giugno del santuario” ? Montichiari con le sue Fontanelle ogni domenica fa il pieno di fedeli da richiedere la presenza costante tutta la giornata di un vigille per regolare il traffico.  Nello sport avevamo raggiunto la serie C del calcio, ci eravamo inseriti tra le prime cento squadre nazionali (20 di A, 22 di B ed il resto di C), con uno stadio di oltre 2000 persone, è venuta a mancare la mano pubblica che coordinasse il tutto,  lasciando i dirigenti, privi di mezzi, a dilaniarsi tra loro: risultato la III categoria dilettanti, un centinaio gli spettatori.  La cultura, forse quella a cui sono state rivolte maggiori attenzioni, langue. Alla domenica i musei sono chiusi, salvo rare eccezioni aperti solo su prenotazioni, sembrano imitare i bar che a mezzogiorno suonato abbassano le serrande e buonanotte a quei turisti che hanno sentito parlare di Castiglione: un paese degno di una visita. Ultimamente poi i castiglionesi si sono trovati di fronte ad un atto unilaterale di giunta, deliberato nell’ottobre 2016 e venuto alla luce solo nel febbraio 2017. Atto ineccepibile dal punto giuridico, ma criticabile da quello storico, dove la storia è stata superficialmente e partigianamente interpretata: la soppressione della via Maletti, generale nato a Castiglione, decorato di due medaglie di bronzo, tre d’argento ed una d’oro, caduto sotto il fuoco nemico alla testa dei suoi ascari, dubat e zaptiè. Non è stata neppure tenuta in considerazione l’autorizzazione della prefettura che rilevava: “ la sostituzione dei nomi esistenti delle vie ci trova in linea di principio contrari”, tant’è che a Mantova ed altrove la via tutt’ora sussiste. E già circolano le voci che tanti elettori,  non interpellati a suo tempo, al momento della votazione non se ne dimenticheranno.

Arturo Sigurtà

Lascia il tuo commento


logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto