Seguendo i movimenti di un uomo, marocchino di cinquantasei anni, nei confronti del quale, gli agenti della Polizia Locale di Brescia, nutrivano alcuni sospetti, sono riusciti a vederlo mentre consegnava un pacchetto ad un italiano, in cambio di denaro. Seguendo il cliente, gli agenti hanno scoperto, dopo averlo fermato, che aveva appena comprato un grammo di hashish.

Ha solo dodici anni la ragazzina ricoverata per avere ecceduto nel bere alcolici, durante una festa che si è tenuta a Sellero. Pare che le bevande non le siano state servite dal personale ma abbia più volte attinto, dai bicchieri e dalle bottigle, portate da fuori, di alcuni ragazzi più grandi.

E' stata decisamente violenta, la serie di temporali che si è abbattuta sulla provincia di Brescia. Dalla Bassa alla Valle Camonica, sono stati molti i danni registrati. Vigili del Fuoco e Protezione Civile sono dovuti intervenire più volte, per togliere alberi abbattuti, rami caduti e per mettere in sicurezza struttura.

Una forte grandinata ha colpito i territori della Bassa bresciana e della Franciacorta nella giornata di domenica 25. Sono state colpite le colture come il mais e sono state sradicate piante con ulteriori danni a una agricoltura già provata per la siccità. Nonostante i forti temporali la situazione degli invasi di montagna non e' migliorata. "La situazione è figlia di un andamento climatico sempre più estremo e imprevedibile – spiega Ettore Prandini, presidente di Coldiretti –, nei campi registriamo danni ingenti legati al meteo.

I Carabinieri di Castel Goffredo hanno segnalato alle Autorità, come assuntore di stupefacenti, un giovane bresciano di ventisei anni, trovato con un involucro contenente 2,70 grammi di marijuana in auto. I militari hanno trovato la droga durante un normale controllo stradale, eseguito nel territorio del paese dell'Alto Mantovano.

Manca l'acqua in tutta Italia e il comparto agricolo è quello in maggiore sofferenza, l'agricoltura è a rischio anche nel Bresciano. Il presidente di Confagricoltura, Francesco Martinoni, lancia l'allarme:" Entro il 15 luglio il bacino del lago d'Idro potrebbe esaurirsi con conseguenze su tutta la pianura bresciana e mantovana".

''La scuola è finita'' hanno pensato gli uomini di una pattuglia della Volante della Polizia, quando hanno visto un giovane con uno zainetto nero, dirigersi verso piazza Repubblica, a Brescia. Quando gli agenti lo hanno affiancato con l'auto, il ragazzo ha girato lo sguardo e allungato il passo, in un vano tentativo di fuga.

La bambina è fuori pericolo e in questi casi questa è la notizia importante, si tratta di una bambina di 4 anni che frequenta la scuola materna di Leno. Martedì scorso è stata ricoverata all'ospedale Civile di Brescia e oggi sta già meglio. L'Ats ha predisposto la profilassi per i circa duecento bambini che frequentano la scuola. Parte dei genitori erano stati avvisati dalla mamma della piccola attraverso il gruppo Whatsapp al quale sono iscritti.

L'accusato, disoccupato, padre di sei figli, che vive a Torino in una roulotte, grazie al sussidio di Stato, si dice innocente e il suo avvocato ha annunciato ricorso. Il Tribunale di Brescia ha condannato a otto anni l'uomo che, secondo il racconto della vittima, stuprò e derubò della macchina, una ragazza che all'epoca -era il 2003- aveva vent'anni.

Era il 13 maggio quando l'operaio, aveva caricato sulla propria auto, una prostituta di origine rumena, in territorio di Calcinato. Subito dopo avere concordato il prezzo della prestazione ed averla pagata, con la scusa di essersi accorto che la donna si era rifatta il seno, aveva cominciato ad inveire contro di lei, pretendendo la restituzione dei soldi.

Sono stati i finanzieri della Tenenza di Gardone Val Trompia a scoprire l'espediente usato da un imprenditore di Sarezzo, paesino a nord di Brescia, per evitare di pagare le tasse relative agli straordinari, che faceva fare ai propri dipendenti.

Presidente Coldiretti Lombardia a "Filo Diretto"

Ascolta la diretta QUI

per intervenire:

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SMS e WHATSAPP: 338.1719105

tel. 0376.631709

I velivoli, che trasportavano due equipaggi provenienti dal Belgio, erano diretti verso il Garda orientale e poi, secondo i piani, avrebbero dovuto fare rotta verso il Piemonte. Purtroppo qualcosa, per uno dei due aerei, è andato storto. I soccorritori lo hanno trovato in una zona impervia della Valle Camonica, dove era precipitato.

Sono stati i finanzieri della Tenenza di Pisogne, tramite oculate ed articolate indagini e verifiche fiscali, a portare alla luce un nuovo caso di evasione fiscale, che riguarda il mondo dell'edilizia. Controllando i dati, incrociando le informazioni, sono arrivati a denunciare per

Il telefono cellulare risulta staccato, il condannato non si trova. Questa, in estrema sintesi, la conseguenza diretta della conferma, da parte della Corte di Cassazione, delle condanne emesse per la strage di Piazza Loggia, a Brescia.

Stamattina un'impiegata del Comune a Villongo ha investito il suo stalker dopo che l'uomo l'aveva minacciata, per l'ennesima volta, con un coltello. Entrambi i protagonisti della vicenda sono residenti a Chiari, l'uomo è deceduto a seguito delle ferite riportate quando lei, in base alla sua stessa testimonianza, dato che lui si era presentato nuovamente armato di coltello, lo ha travolto con la propria vettura, sulla quale era salita per allontanarsi.

Hanno circa venticinque anni, una donna ed un uomo, le due persone che, con una scusa, sono entrate nell'abitazione di una donna di ottantaquattro anni, di Bagnolo Mella, per rubare. L'anziana era appena rientrata a casa, quando ha sentito suonare alla porta. I due si sono presentati come nipoti della vicina e hanno chiesto se aveva un poco di zucchero da prestare.

Un carpentiere 38enne, a Bione, è caduto da un'altezza di un metro e mezzo rimanendo infilzato di schiena in una delle barre d'acciaio dell'armatura di una casa che stava realizzando alle dipendenze di un'azienda edile. E' stato immediatamente soccorso dai compagni che hanno allertato il 112,

La Polizia Locale di Brescia ha sequestrato oltre 1 kg di eroina nascosto sotto terra in via Orzinuovi, vicino al fiume Mella, a Brescia. In manette sono finiti 3 tunisini e una donna italiana.I quattro avevano con sé 2.000 euro in contanti che sono stati sequestrati e il valore della droga si aggira attorno ai 60mila euro.

Quando i Carabinieri della pattuglia, insospettiti dalle manovre del conducente di un'auto, nelle vie di Castenedolo, hanno intimato di fermarsi, lo sconosciuto, che poi si è scoperto essere un cittadino tunisino di ventisette anni, con numerosi precedenti penali, anzichè fermarsi, ha cercato di fuggire, sfrecciando a tutta velocità per le vie, immediatamente inseguito dai militari che, con un'abile manovra, lo hanno costretto ad arrestare il veicolo.

Pagina 1 di 180

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto