Dei dieci imputati, sette albanesi e tre italiani, solo il titolare dell'azienda è stato assolto, dato che il giudice non ha rilevato le circostanze per riconoscere lo stato di associazione per delinquere. Il Pubblico Ministero aveva chiesto condanne più pesanti, il presidente dell'udienza ha inflitto invece, pene che vanno dai dieci mesi ad un anno e nove mesi, giudicando i singoli casi di truffa.

Le porte del carcere si aprono per lasciare libero un uomo, che fu accusato dai figli -i quali in seguito ritrattarono, dicendo che era stata loro madre a costringerli- di avere abusato sessualmente di loro. La svolta clamorosa è arrivata presso la Corte d'Appello di Perugia, dove si è celebrata la revisione del processo, come chiesto e ottenuto, dopo lunga battaglia, dai suoi avvocati.

Secondo gli inquirenti, i membri del gruppo criminale si dedicavano alle rapine ed alle estorsioni, oltre a traffico di droga e sfruttamento della prostituzione. Con due condanne e diverse assoluzioni, si è concluso il processo per quella che, secondo gli investigatori,

Quando gli agenti della Polizia Locale di Ghedi hanno fermato il furgone, per un normale controllo, non immaginavano certo di trovare una quantità simile di cibo, in pessime condizioni di conservazione. All'interno del veicolo, c'erano oltre cinquecento confezioni di dolci di varia natura, torte e merendine, oltre a circa venti chili di formaggio, tutto senza etichetta ed in pessimo stato di conservazione.

Quando gli agenti della Polizia Locale sono accorsi in via X Giornate, per sedare una rissa tra due mendicanti, hanno scoperto che quello che aveva aggredito il rivale, pur presentandosi sulla sedia a rotelle, era perfettamente in grado di reggersi in piedi e camminare. In seguito ad accertamenti, hanno scoperto che aveva collezionato numerosi precedenti per reati contro la persona e contro il patrimonio.

Per il ciclo "Rapiti dall'Eden" – i sabato pomeriggio tra cinema a teatro -, realizzati dal CTB Centro Teatrale Bresciano in collaborazione con Brescia Musei e il Nuovo Eden, sabato 22 aprile alle ore 17.30, Daniele Pelizzari, curatore degli incontri, intervisterà Elena Bucci e Marco Sgrosso, interpreti de "Le Relazioni pericolose" spettacolo in scena al Teatro Santa Chiara Mina Mezzadri fino al 14 maggio 2017, prodotto dal Centro Teatrale Bresciano per la stagione 2016/2017. A seguire la proiezione del film del 1988: "Le relazioni pericolose"  diretto da Stephen Frears.

Il direttore artistico, Pier Carlo Orizio: “La grande musica nelle nostre città”

Il 27 aprile si alzerà il sipario sulla 54ᵃ edizione del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo. La kermesse si annuncia ricca di spunti artistici, storici e iniziative collaterali. Il tema scelto dal direttore artistico Pier Carlo Orizio ha fatto convergere artisti e orchestre di fama mondiale, chiamati a eseguire pagine musicali spesso di grande fama e capaci di ricreare tensioni e splendori di un’intera epoca storica. Suggestivo il titolo: “Beethoven e Napoleone. La musica, tra ideali e potere”, che partendo da due figure carismatiche che seppero illuminare con la loro personalità decenni di storia, schiude la porta dell’immaginario collettivo sulle passioni e i drammi che influenzarono la storia d’Europa dalla Rivoluzione Francese al Congresso di Vienna.

L'operazione è conseguenza delle indagini, svolte dagli investigatori della Squadra Mobile. I poliziotti hanno arrestato due giovani, uno di ventitrè, l'altro di venti anni, ritenendoli responsabili dell'aggressione nei confronti di un ragazzo di diciotto anni. Era il 3 ottobre quando i due, secondo le ricostruzioni, avrebbero colpito con un coltello il giovane, che si trovava fuori da una discoteca di Brescia.

La vittima, un medico di quarantacinque anni, scende in strada per buttare la spazzatura. Quasi subito si avvicinano due sconosciuti. Hanno il volto semicoperto e lo colpiscono a pugni, facendolo finire a terra. Gli prendono il portafogli e scappano.

Debutta mercoledì 19 aprile 2017, in prima nazionale, alle ore 20.30 al Teatro Santa Chiara Mina Mezzadri LE RELAZIONI PERICOLOSE, conto aperto tra la marchesa di Merteuil e il visconte di Valmont ovvero lettere raccolte tra un gruppo di persone e pubblicate a scopo d’istruirne alcune altre, dal romanzo omonimo di Choderlos de Laclos, progetto ed elaborazione drammaturgica di Elena Bucci e Marco Sgrosso.

I presunti aguzzini, hanno età comprese tra i quattordici ed i diciassette anni. La Procura dei Minori di Brescia ha aperto un fascicolo d'inchiesta riguardo una serie di violenze sessuali, che un gruppetto di giovani, avrebbe commesso su un ragazzino di dodici anni, che abita sul Sebino. Tutto emerge quando la vittima confida quanto sta subendo ad una vicina di casa.

L'operazione è stata condotta e portata a termine dai Carabinieri di Verolanuova, che hanno agito in sinergia con gli uomini della Polizia Locale di Ghedi, paese nel quale si sono svolti i fatti. Un cittadino rumeno, senza fissa dimora, entra in un supermercato e preleva dagli scaffali vari generi alimentari, non di primaria necessità, che cerca di portare fuori dall'esercizio, senza pagare.

Quando la donna è incarcerata, i suoi avvocati presentano istanza per ottenere, quantomeno, gli arresti domiciliari. Le autorità bresciane però respingono la richiesta. Improvvisamente, i giudici brasiliani chiedono ai colleghi italiani di liberarla, qualora sia detenuta. Spiegano che si è trattato di un errore di persona. La donna accusata di traffico internazionale di esseri umani, finalizzato allo sfruttamento della prostituzione, non è lei, signora di trentacinque anni, sposata con un connazionale e che abita a Brescia.

Gli investigatori della Squadra Mobile di Brescia, hanno identificato l'autore dell'aggressione, nei confronti di una donna di trentcinque anni, che per professione guida gli autobus in città. La donna sta conducendo uno dei mezzi pubblici nella zona di San Polo quando deve frenare improvvisamente, per non scontrarsi con una Bmw il cui conducente non ha rispettato il semaforo rosso.

Erano le 4,40 circa quando è arrivata la chamata di soccorso presso la sala operativa del numero unico 112. Un anziano, in via Tartaglia, a Brescia, era precipitato dal balcone di casa sua. Quando i soccorritori sono arrivati, assieme ai Carabinieri, sul posto, per l'uomo di settantanove anni, non c'era nulla da fare.

Le pratiche di estradizione sono già state avviate, nel frattempo è ''ospite'' del carcere di Brescia, il tunisino di trentanove anni, sul quale pendeva un ordine di cattura, per reati inerenti allo spaccio di stupefacenti. In realtà era pregiudicato per le stesse accuse anche in Italia.

I Carabinieri della stazione locale, hanno arrestato un quarantanovenne di Acquanegra, su ordine della Corte d'appello del Tribunale di Brescia. L'uomo deve scontare una pena detentiva di dieci mesi, agli arresti domiciliari, per ''furto aggravato'', reato commesso a Marcaria nel 2006.

Una importante notizia per il mondo del lavoro e dell'associazionismo bresciano. Nella riunione di ieri, il consiglio generale dell’Associazione Industriale Bresciana ha preso atto della relazione della commissione di designazione, composta da Angelo Baronchelli, Francesco Franceschetti e Pier Luigi Streparava che, previa una ampia consultazione della base associativa, si è espressa in merito alla candidatura alla presidenza di AIB per gli anni 2017-2021.

I dati forniti dalla Polizia Locale di Brescia dimostrano come sia in netto calo quello che alcuni chiamano il ''turismo dei rifiuti''. Sono infatti soprattutto bresciani residenti, coloro che lasciano spazzatura in giro per le strade. La prova deriva dai controlli effettuati dagli agenti di Polizia Locale, che proseguono l'attività di contrasto a questo fenomeno, anche grazie alle segnalazioni effettuate dagli ispettori ambientali.

In soli tre giorni, dal 30 marzo al 1 aprile, gli uomini della Polizia di Stato, impegnati su scala nazionale in un'operazione volta a reprimere il fenomeno dello spaccio di stupefacenti, sono riusciti ad arrestare duecentosessantasette persone, sequestrando di conseguenza, notevoli quantità di droga.

Pagina 1 di 169

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto