Quando la donna è incarcerata, i suoi avvocati presentano istanza per ottenere, quantomeno, gli arresti domiciliari. Le autorità bresciane però respingono la richiesta. Improvvisamente, i giudici brasiliani chiedono ai colleghi italiani di liberarla, qualora sia detenuta. Spiegano che si è trattato di un errore di persona. La donna accusata di traffico internazionale di esseri umani, finalizzato allo sfruttamento della prostituzione, non è lei, signora di trentacinque anni, sposata con un connazionale e che abita a Brescia.

Gli investigatori della Squadra Mobile di Brescia, hanno identificato l'autore dell'aggressione, nei confronti di una donna di trentcinque anni, che per professione guida gli autobus in città. La donna sta conducendo uno dei mezzi pubblici nella zona di San Polo quando deve frenare improvvisamente, per non scontrarsi con una Bmw il cui conducente non ha rispettato il semaforo rosso.

Erano le 4,40 circa quando è arrivata la chamata di soccorso presso la sala operativa del numero unico 112. Un anziano, in via Tartaglia, a Brescia, era precipitato dal balcone di casa sua. Quando i soccorritori sono arrivati, assieme ai Carabinieri, sul posto, per l'uomo di settantanove anni, non c'era nulla da fare.

Le pratiche di estradizione sono già state avviate, nel frattempo è ''ospite'' del carcere di Brescia, il tunisino di trentanove anni, sul quale pendeva un ordine di cattura, per reati inerenti allo spaccio di stupefacenti. In realtà era pregiudicato per le stesse accuse anche in Italia.

I Carabinieri della stazione locale, hanno arrestato un quarantanovenne di Acquanegra, su ordine della Corte d'appello del Tribunale di Brescia. L'uomo deve scontare una pena detentiva di dieci mesi, agli arresti domiciliari, per ''furto aggravato'', reato commesso a Marcaria nel 2006.

Una importante notizia per il mondo del lavoro e dell'associazionismo bresciano. Nella riunione di ieri, il consiglio generale dell’Associazione Industriale Bresciana ha preso atto della relazione della commissione di designazione, composta da Angelo Baronchelli, Francesco Franceschetti e Pier Luigi Streparava che, previa una ampia consultazione della base associativa, si è espressa in merito alla candidatura alla presidenza di AIB per gli anni 2017-2021.

Pagina 3 di 169

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto