Un anno e quattro mesi di reclusione è la condanna inflitta dal Tribunale di Mantova, al conducente di un camion che nel febbraio di due anni fa, aveva travolto ed ucciso un pensionato di settantasei anni, che stava attraversando la strada. In base alle ricostruzioni si è appurato che il mezzo procedeva a velocità moderata e che si era fermato al semaforo rosso.

Questa mattina, attorno alle nove, una 37enne ha tentato di gettarsi dal cavalcavia di via Rose a Brescia. Fortunatamente alcuni automobilisti di passaggio hanno prontamente avvisato le forze dell'ordine che sono intervenute con due pattuglie di Polizia Locale e Carabinieri. La donna ora è ricoverata al reparto di psichiatria dell'Ospedale Civile di Brescia. Aveva tentato un gesto analogo lo scorso 17 maggio.

Era il 19 novembre del 2015 quando Sergio Zucca fu colpito a morte da una martellata ed una coltellata, inferte dal padre. Il Tribunale di Brescia condannò il genitore a dieci anni di reclusione. La Corte d'Appello ha ora confermato la sentenza, respingendo il ricorso. Quello che era emerso durante le indagini, era un quadro familiare sempre più difficile dopo la morte della madre della vittima, con frequenti litigi tra i due uomini. L'imputato ha sempre sostenuto di avere colpito il figlio per difendersi.

Bilancio pesantissimo per il maltempo abbattutosi nei giorni scorsi, nelle frazioni di Leno, Castelletto e Milzanello. In una cascina la tromba d'aria, che ha imperversato in zona, ha fatto crollare una parete. L'amministrazione ha chiesto alla Regione un risarcimento danni per l'ammontare di due milioni di euro.

Ispezionando la contabilità di un'azienda, attiva nella commercializzazione di legname e semilavorati in legno, con sede ad Erbusco, i finanzieri della Compagnia di Chiari si sono accorti che, nel periodo che va dal 2008 al 2009, i responsabili della ditta avrebbero acquistato materiale, usando fatture di costo, per operazioni inesistenti, per un'imponibile superiore a sette milioni ed un'Iva per oltre un milione e mezzo di euro.

Segnalazione, ieri, di un giovane pescatore che, vicino al ponte di Pavone Mella, ha notato migliaia di pesci morti, probabilmente a causa delle acque pesantemente inquinate del fiume. E' purtroppo il secondo episodio in pochi giorni. Sono intervenute le Guardie Ecologiche Volontarie della provincia di Brescia per tentare di far luce sull'accaduto.

Pagina 6 di 180

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto