Gli uomini della Guarda di Finanza di Brescia, assieme ai colleghi di Viareggio hanno arrestato due spacciatori, sequestrando loro successivamente, beni mobili ed immobili, per centoquarantamila euro circa. L'operazione nasce quando le fiamme gialle di Brescia, acquisiscono prove su importazioni di droga, dirette in provincia di Lucca. Le indagini successive, portano all'arresto, in flagranza di reato, nel Comune di Pietrasanta (Lucca), di un cittadino albanese, sorpreso con cinque chili e mezzo di cocaina.

A Brescia sono davvero troppi gli appartamenti disabitati. Molti sono scoraggiati anche dal dover incorrere nella richiesta prestito. Come si può uscire da questo impasse? Prova a rispondere il Sindaco, Emilio Del Bono, lanciando una proposta. Del Bono ha affermato “Dobbiamo cercare di far entrare nell’housing sociale una parte della proprietà privata invenduta”.

Le mani e la fronte dell'automobilista sudavano, segno inequivocabile di nervosismo. La cosa non è sfuggita all'occhio esperto dei poliziotti di una pattuglia della Volante, che avevano appena fermato il mezzo, per un normale controllo, in via Volturno, a Brescia. Avendo notato questa cosa e appena scoperto, dal riscontro dei dati, che l'uomo, trentuno anni, nato in Marocco, era pluripregiudicato per reati in materia di stupefacenti, hanno pensato di controllare.

Sono state le urla provenienti dall'appartamento di Paitone, ad allertare i vicini di casa, che hanno chiamato i Carabinieri. Quando i militari di una pattuglia della stazione di Nuvolento, sono giunti sul posto, hanno trovato un uomo di cinquant'anni che, armato di pistola, minacciava, assieme ad un amico di trentuno, il padrone di casa. Disarmato il cinquantenne, sono riusciti a ricostruire quanto stava accadendo.

Prima saranno allontanati tutti i residenti nel raggio di cinquecentocinquanta metri, quindi gli artificieri sposteranno, con tutta la cautela del caso, la bomba sganciata da un aereo angloamericano, durante la Seconda Guerra Mondiale e finita inesplosa, nel terreno dove si trova l'ex Oto Melara, a Brescia e la trasporteranno in una cava di Calcinato, dove la faranno brillare.

Il giudice del Tribunale di Brescia, ha condannato, in primo grado di giudizio, celebrato con rito abbreviato, un uomo di trentatrè anni, per stalking. Nel corso del dibattimento, è emerso come la vittima avesse subito per mesi, una serie di molestie, fatte di minacce, insulti ed anche altro, cominciate dopo la fine di un rapporto nel corso del quale i due, avevano anche avuto un figlio.

Pagina 6 di 163

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto