CASTIGLIONE, IL PARTITO DEMOCRATICO: "INDECAST PIU' SOLIDA OGGI RISPETTO AL 2012"

11 Ottobre 2017
K2_ITEM_AUTHOR 

Dopo la discussione sulla municipalizzata nell’ultima seduta consiliare

Il Partito Democratico di Castiglione interviene a seguito dell’ultimo Consiglio comunale, nel quale si è discusso di Indecast, con una nota: “In merito alla situazione di Indecast è necessario fare chiarezza. Nel 2012 il centrodestra lascia una municipalizzata indebitata pesantemente con le banche e con un cliente, il quale nel 2011 aveva anticipato 1 milione di euro per l’ampliamento dell’impianto dei ‘bottini’, impegno disatteso, ma soldi incassati e spesi diversamente.

La nota questione dei motori si aggiunge. Si disse che la mala gestione di Indecast fu tale da determinare la sconfitta di Forza Italia alle elezioni, che non arrivò al ballottaggio. Andando oltre la chiacchiera di chi vuole gettare discredito e crede di essere ancora in campagna elettorale, la realtà è che: il CdA di Gavioli ha risanato l’azienda, basta leggere i numeri; Indecast è solida tanto da riuscire a far fronte ad un 2017 negativo a causa della faccenda PFAS, con un ritorno alla positività già dal 2018; il CdA di Gavioli ha tracciato un percorso di riconversione industriale dell’impianto bottini che tutela la salute dei cittadini e la solidità di Indecast; la gestione Gavioli-Novellini ha diminuito le bollette dei rifiuti, aumentato la  raccolta differenziata, introdotto il contributo alle famiglie in difficoltà e interventi innovativi nelle scuole e nel sociale. La cessione del ramo idrico rispondeva alla normativa che impone il gestore unico, la stessa che sta portando TEA e SISAM alla ‘fusione’. Con la cessione a TEA per quasi 7,4 milioni di euro, sono stati ceduti 3,6 milioni di debiti e portato in patrimonio al Comune euro 3,7 milioni pari al 2% di azioni TEA (100mila di utili all’anno per le casse comunali); è stata garantita la gestione pubblica dell’acqua e la possibilità di investimenti onerosi strutturali sulla rete idrica che Indecast non era più in grado di affrontare. Il depuratore è stato ceduto perché senza idrico non era possibile tenerlo. Le critiche di Nodari in merito a mancate accensioni di mutui e a sconsiderati utilizzi di cassa sono pretestuose oltre a non essere all’altezza della sua fama di bravo imprenditore. Ora tocca a Nodari: l’Indecast che trova è senza dubbio più solida di quella che il centrodestra e Forza Italia lasciarono nel 2012”.

Lascia il tuo commento


logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto