notizie da castiglione

Abitava a Goito, aveva quarantaquattro anni, l'uomo che ha perso la vita in via Ostiglia a Mantova. Gugliemo Pedroni, era al volante della propria auto quando, per cause da chiarire, ha deciso di accostare. La vettura, era ancora ferma sul ciglio della strada, con le quattro frecce inserite, quando è stato trovato il corpo senza vita dell'uomo. Secondo i primi accertamenti, Pedroni sarebbe stato investito da un camion.

All'epoca dei fatti, i protagonisti della vicenda erano marito e moglie. Il Tribunale di Mantova ha condannato a sette anni e mezzo di reclusione un giovane di venticinque anni, di origine pakistana, resoponsabile di violenza sessuale. La vittima, che all'epoca era sua moglie, si era rifugiata in una casa protetta, dopo aver chiesto aiuto alle forze dell'ordine. La decisione era stata presa dopo una lunga serie di angherie e soprusi subiti da lei e dal figlio piccolo. Il marito era riuscito a scoprire dove si era rifugiata e aveva tentato di violentarla.

Erano almeno in quattro quando sono entrati nell'abitazione alle porte di Pozzolengo. Il padrone di casa si è alzato quando ha sentito il rumore della finestra che veniva rotta e subito si è trovato bloccato e circondato dagli sconosciuti, che gli hanno puntato qualcosa di appuntito alla gola. Lo hanno picchiato per farsi dire dove fosse nascosta la cassaforte. Dato che in casa non c'era nessuna cassetta di sicurezza, si sono accontentati di rubare le poche banconote presenti, alcuni gioielli d'oro.

Il copione ormai è noto, ma ancora sono molti gli anziani che rimangono vittime di raggiri. L'ultima persona presa di mira è una signora di Lunetta. Due donne le bussano alla porta di casa. Dicono di essere amiche di suo figlio e di dovergli restituire una somma di denaro. La signora si fida e le fa entrare. Mentre una delle ladre distrae la padrona di casa, chiacchierando, l'altra con un pretesto si alza e fruga per la casa. Quando torna, le due si congedano e se ne vanno, facendo perdere le proprie tracce.

Era china a pregare sulla tomba dei suoi parenti quando la ladra è entrata in azione. La pensionata che si era recata al cimitero di Lunetta di Frassino, era intenta a cambiare i fiori sulla lapide di un parente, quando ha visto una donna afferrare la sua borsetta e fuggire. Ha chiamato le forze dell'ordine, nella speranza che la ladra fosse ancora nei paraggi. Ha anche fornito una descrizione abbastanza dettagliata della sconosciuta.

Il lavoro come strumento per dare una voce alla dignità di una persona; superare la precarietà per costruire giustizia e speranza, questi è altri ancora saranno gli argomenti che hanno creato gli stimoli per promuovere giovedì 30 aprile in Duomo a partire dalle 21 la tradizionale Veglia dei lavoratori.
Un momento di confronto e al tempo stesso di riflessione sulla situazione economica e sulla realtà attuale attraverso la Parola di Dio.

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto