Le indagini, nate dalla denuncia presentata presso la locale stazione, da una donna di trentuno e da una di quarantaquattro anni, entrambe rumene, hanno portato i Carabinieri di Roverbella a denunciare una terza donna, anche lei originaria del Paese dell'Europa orientale, residente a Ponti sul Mincio, per lesioni ed aggressione.

Cinquantatre anni, un lavoro al Parco materiali e Motorizzazione del Genio Militare a Peschiera del Garda, sposato con sette figli. Esatto: 7 figli di cui gli ultimi 2, Andrea e Luca gemelli di 9 anni. Gli altri, partendo dal primogenito di 26 anni: Mattia, Giorgia, Silvia, Simone e Lisa. La mamma di questa splendida compagnia di figli è la signora Marina. E veniamo a lui. Paolo Parolini da Ponti sul Mincio, un trascorso con la moglie come Capo Scout, impegni quali animatori parrocchiali e dal 2014 consigliere comunale con l’incarico all’ambiente. “Siamo stati entrambi, io e mia  moglie Marina, intenzionati a formare una famiglia numerosa.

I Carabinieri della Locale stazione indagano sul furto messo a segno presso un'abitazione del centro cittadino. I ladri hanno forzato una finestra per entrare. Una volta dentro, hanno rubato un medagliere con una trentina di riconoscimenti sportivi, un computer, stampante laser ed altro materiale informatico, per un valore di circa mille euro.

Sono due le case private derubate a Ponti sul Mincio, lo scorso fine settimana. Approfittando del fatto che i padroni non ci fossero, dopo avere forzato le finestre, ignoti sono entrati ed hanno rubato gioielli in oro ed una doppietta, legalemente detenuta. Solo tentato il furto a Rodigo dove i ladri, forse perchè disturbati da qualcuno, hanno tentato di forzare una finestra, senza riuscire ad entrare.

I ladri sono entrati nella casa, forzando una porta finestra. Una volta dentro hanno frugato dappertutto, fino a trovare gioielli in oro, per un valore di circa cinquemila euro. I Carabinieri indagano sull'accaduto.

Avevano pagato una grossa partita di capi d'abbigliamento con assegni non loro, appartenenti ad un libretto della Banca Etruria, per un valore di circa quindicimila euro. Assegni non coperti, di questo si era accorto l'imprenditore cinese truffato, quando era andato ad incassare. Per questo, tre persone, titolari di un'attività di Ponti sul Mincio, sono finite a processo per truffa.

Pagina 6 di 8

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto