Una vita in servizio alle scuole del paese, finalmente il meritato congedo

Chissà se qualcuno a Solferino sa che di cognome si chiama Caprioli, perché per tutti lei è Rita e basta. Anzi, ‘la’ Rita, come dicono qui. Al massimo sapranno il cognome del marito, Spazzini, sì, ‘il’ Mario, quello del tamburello, per alcuni il bidello, per altri l’autista dello scuolabus. Il punto è che Rita è andata in pensione, per la precisione lo sarà dal 1° settembre prossimo (non ci crede ancora neanche lei!). La meritata pensione, come si dice, dopo decenni di lavoro nella scuola come bidella (negli ultimi anni avremmo dovuto chiamarla collaboratrice scolastica, ma Rita è la bidella…). Prima dipendente comunale, poi passata ‘sotto lo Stato’, ma sempre la Rita che conosce tutti i bambini del paese (e gli anni di nascita), da quelli della scuola materna fino a quelli che alla materna ci portano i figli.

La Torre civica di Solferino ospita, fino al prossimo 31 luglio, la mostra intitolata ‘Terre di torba. Storia dalle torbiere di Solferino’. Il sottotitolo, che ne illustra l’impostazione, è ‘immagini & etnografia’. Organizzata dal Comune di Solferino – assessorato alla Cultura, insieme a Pro Loco e ‘Terre dell’Alto mantovano’, è stata inaugurata negli scorsi giorni alla presenza del sindaco, Gabriella Felchilcher. Studi sulla torbiera di Solferino furono condotti dal professor Francesco Zorzi, direttore del Museo di scienze naturali di Verona, e più recentemente dall’ingegner Angelo Trivini.

Incontro a palazzo Menghini con Novellini, Felchilcher, Beduschi e Caristia

Negli scorsi giorni si è tenuto, a palazzo Menghini, un incontro pubblico organizzato dalla sezione locale del Partito democratico intitolato “Il futuro dei Comuni dell’Alto mantovano a cominciare da Castiglione e Solferino”. Al tavolo dei relatori, i sindaci Alessandro Novellini e Gabriella Felchilcher, il collega di Borgo Virgilio, Alessandro Beduschi, ed il direttore generale del Comune di Sassari, Maurizio Caristia. Ricordiamo che Castiglione e Solferino hanno recentemente approvato una convenzione quadro per la gestione in forma associata delle funzioni fondamentali degli Enti.

Il club mantovano ha deciso di accettare la sfida aperta dal club di Polliat paesino sito un’ora a nord di Lione dove ogni anno si tiene una bella gara a squadre. Pur essendo uno sport individuale il Judo prevede competizioni dove viene previsto un atleta per categoria e passa il turno il club che vince più incontri. A Polliat il Judo Le Sorgive si è presentato con 2 squadre under 13 anni. La squadra A composta da Federico Olivari, Riccardo Pigoli, Mirko D’Andrea, Francesco Guarnieri e Matteo Viesi. La squadra B con Federico Fiorini, Edoardo Voi, Giorgio Truzzi e Elia Paghera.

Sono contenuti, per fortuna, i danni registrati in seguito al violento temporale che si è abbattuto ieri sera, sul GArda e l'Alto Mantovano. Alle 20,30 circa, una grandinata caratterizzata da chicchi piuttosto grossi, si è abbattuta su Desenzano, creando notevoli disagi agli automobilisti. I tombini delle strade più a valle infatti, hanno cominciato a non ricevere ma anzi a buttare fuori acqua, bloccando la statale, non più visibile da chi era alla guida. Non si registrano particolari danni alle culture, in particolare agli uliveti.

Video: Il presidente di Sisam Spa negli studi di TempoRadio

Pagina 60 di 64

logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto